Guardo nel vuoto. A volte mi ci perdo. Penso alle cose mie.
Mi estraneo per dedicarmi a qualcuno o a qualcosa, anche in mezzo alle persone.

Riscopro me. Posso ancora dare ed essere capace di ricevere e di dire grazie.

Mantengo con gelosia quel perimetro di difesa che mi occorre per sentirmi libera.

Ale, intervieni sempre, diceva. Non buttarti a stare in una vita sprecata.
Poi chiediti… oggi ho fatto qualcosa che ne sia valsa la pena per me, solo per me? Sì. E i suggerimenti e i consigli me li tengo ben stretti e scolpiti come fossero stati detti ieri.

Ale, non odiare: è uno spreco inutile di energia. Odia solo le atmosfere tristi e stanne alla larga. Vero. Ma, a volte, non posso fare a meno di odiare qualcuno.

Quando tengo a una persona glielo faccio sapere. E quando mi costringerà ad andare gli dispiacerà così tanto da credere di impazzire.

Osservo. Apprezzo la verità, la bellezza e la fragilità. Non riesco a sfuggire proprio alle cose belle.

Sono il punto centrale della mia vita. E amo chi decide di camminare al mio fianco.

17 pensieri su “Al mio fianco

  1. Sai Ale, a volte una punta di odio ci vuole, apre gli occhi e ci fa apprezzare di più altro. L’importante è non arrivare a far del male. E poi, è giusto lasciarsi dei spazi per noi stesse e pensare a qualcosa solo per noi. Credo sia gratificante. E quando si è in pace è bello accogliere chi ci apprezza e ci vuole bene.
    Ti abbraccio ❤
    (intanto ti seguo…a debita distanza 😀 )

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...