Ho un cuginetto che si chiama come me.
Cuginetto… ha un anno meno di me.
Io lo penso sempre piccolo, sarà che, quando penso a me, penso a una ragazzina dispettosa e sarà anche che è quello più piccolo di questa famiglia scalcagnata.
Non ho ricordi di lui in culla perché io l’avevo lasciata da pochissimo.
A lui sono passati seggioloni, lettini e vestiti. Quindi sì, da questo punto di vista è stato ancora più sfortunato di me: mai nulla di nuovo. Si è ritrovato cose già comprate e scelte per altri.

Ho ricordi vaghi dei nostri incontri. Ho solo poche immagini da piccoli bene assestate nella mente.

Ricordo il discorso della mamma. State attenti a giocare con Ale, non fategli male, non fate i soliti disgraziati.
Secondo i grandi era un bimbo da proteggere. Lì ci spiegò in modo facile cosa fosse la sindrome di down. Mah… a me sembrava tanto carino, dolce e affettuoso. E aveva la forza di un vitello. Altro che stare attenti, noi dovevamo stare attenti. Era ancora più manesco di noi, per questo ci piaceva.
E poi, poi sputava addosso peggio di un lama. Che bello, possiamo sputare anche noi. Pensavo a quanto fosse fantastico giocare con lui. Abbiamo fatto lotte epocali e gare di sputi pazzesche. Sapeva anche lui che dovessimo sempre fare queste cose ben lontani dagli adulti. Aveva capito tutto.


L’unica cosa che odiavo era la sua lingua che mi sembrava lunghissima peggio di quella dei Kiss. Ho sempre odiato le bave e lui ci leccava la faccia di continuo. Ecco. Odiavo quella cosa.


Amava il mio nonno. Per questo era uno di noi. Ricordo una sua corsa velocissima finita in braccio al mio nonno che ancora un poco e cadeva all’indietro. Ma riuscì a tenerlo. Lui iniziò a dargli pugni fortissimi in pancia per poi finire a baciarlo e abbracciarlo.

Ale è tanto affettuoso. Ora è un cuoco. È fidanzato. Vive da solo grazie ad una associazione che lo aiuta nella sua indipendenza. Altro che cuginetto da proteggere, è una forza della natura.

Home

19 pensieri su “La vera forza della natura

  1. Che belli questi post con i ricordi della tua infanzia, 😍: e poi i cugini, se si è figli unici, diventano un po’ come i fratelli e le sorelle. Si litiga, si gioca insieme, ci si fanno i dispetti, ecc ma in fondo ci si vuole sempre tanto tanto bene, ❣️.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...