Cadere.
Spaccarsi.
Così è stato.
Imparare ad usare la mano meno amica per fare qualsiasi cosa.

Sette e più ore in ospedale ortopedico per capire esattamente dove fosse la frattura.
Presto detto… ulna distaccata, cartilagine sparita. Cosa meglio prescrivere se non una bella risonanza? Beh, mi sembra giusto: mi mancava. Ora bisogna capire bene le articolazioni che arrivano fino in alto.
Ingessatura fino alla spalla immobilizzando il polso e il gomito.
Senta va bene la risonanza ma non respiro se arriva fino la spalla… troviamo un accordo.

Sette ore in ospedale significa parlare e conoscere gli altri.


Ragazzo caduto in monopattino da solo. Via con spalla rotta.
Donna investita: femore rotto.
Uomo spinto da figlia: in attesa di operazione al tendine d’Achille.
Anziana caduta scendendo dall’auto del figlio… e lei che neppure voleva uscire di casa.
Postina con polso rotto per brusca frenata in motorino.
Donna caduta in bagno. Se ne va con spalla e pollice rotti.

Ecco i miei nuovi amici, degni di un libro di Nick Hornby.
Una giornata che, nonostante tutto, è pure passata e pure con qualche risata.

Un sentito ringraziamento va a tutti quelli che mi hanno aiutata, curata e che, coi loro messaggi, non mi hanno fatta sentire sola.
Ho delle colleghe speciali. E dei nuovi amici…. la postina la rivedrò sicuro.

N.D.R.

Endy! Ma perché non sono venuta da te?????

59 pensieri su “Nuovi amici

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...