Scrivo da quando andavo alle elementari. Scrivo specie di diari su quaderni a volte scelti e a volte arrangiati. Li ho conservati tutti. Sono tanti e pieni della mia vita. Sono colmi di fatti e di pensieri. Sono pieni di me. Ho iniziato a scrivere per fermare cose, fatti, persone e ricordi.

Scrivo su questo blog perché amo farlo. E perché, credo, possa dare qualcosa agli altri.

Mi sono ammalata. E non c’è nulla di cui vergognarsi. Capita.
In famiglia ho già provato il dolore della malattia. È successo più e più volte. Poi è arrivata sulla mia pelle. Ma questa cavolo… questa malattia è diversa da quelle che hanno avuto parenti e amici. Per questa non c’è la speranza che se ne possa andare. Ecco. Quella parte non c’è.

Dicono che non siamo la nostra malattia. Io non credo sia vero.
Io sono anche questo.
Carina, strabica, allegra, malata, simpatica, capocciona, disordinata. E sono anche quella quarta parola.

Se sono ciò che sono è anche per la mia malattia. Se mi avvicino dolcemente alle persone e se, poi, le massacro per farle stare su col morale… è anche perché sono malata. Se sprono è perché conosco il dolore che porta la malattia. Quello fisico e quello interiore che, a volte, annienta le famiglie. O le modifica.
Sprono perché ciò che ho vissuto e ciò che vivo mi hanno fatto capire tante cose. E non voglio che nessuno si perda nello sprecare anche solo un secondo di vita. Soprattutto se si hanno belle carte nel mazzo. Ecco. Ricordiamocene e non dimentichiamo di tirarle fuori.

Io sono la mia SM.
Lei è forse quella che mi conosce meglio di tutti: colpisce dritta nei miei punti deboli. Ed è sempre con me. E guai a non prenderla in considerazione: te la fa pagare cara come una bambina viziata… un po’ come sono io. Accudita, amata, viziata e stra viziata. I più piccoli della famiglia hanno quella parte che mettono via e tirano fuori al momento giusto.
Quindi accetto di venire viziata e stra amata e considerata e benvoluta. E quando sento che tutto ciò vacilla… Ah sì… non va bene per nulla. E me lo vado a riprendere. Perché sì… i regali mi piacciono tanto e ancora. E anche le sorprese e gli abbracci. E le parole belle. E le feste. E il divertimento.


Io sono la mia SM. Eh già. E sapete? Lo dico e me la tengo stretta alla faccia di chi crede possa essere un punto a mio sfavore.

Ecco… voi vedete Ale o vedete una persona malata che si chiama Ale?

Io vedo Ale.

39 pensieri su “Io sono la mia SM

  1. Tu sei Ale e saresti stata la stessa anche senza la malattia, perché è il tuo modo di essere e la persona fantastica che sei che ti consente di affrontarla in questo modo e di metterla in secondo piano perché tu emergi di più! 😉

    Piace a 1 persona

  2. E meno male.
    Io ooooodio quelli che “tu non sei la tua malattia”.
    Peccato che lei sia ovunque nella mia vita, a differenza dei cantori dell’ottimismo a prescindere.
    E, appunto, senza di loro non saremmo diventate chi siamo, né ci saremmo conosciute ❤

    Piace a 1 persona

  3. Credo che ad alcune persone la malattia le riesca pure a migliorare, tu sei Ale però magari se non avessi incontrato questa brutta bestia non avremmo visto un lato del tuo carattere molto bello, ed io ti dico grazie perché hai sempre una parola per gli altri nei momenti bui !

    Piace a 1 persona

  4. Leggendo questo articolo, mi è venuta in mente la schermitrice paraolimpica Bebe Vio. Qualche anno fa fu intervistata da “Le iene” a proposito di “satira e disabilità”. Non chiedermi perché, non lo so nemmeno io, ma credo che rivedere quel servizio ti possa aiutare. Ti lascio il link,: https://www.iene.mediaset.it/video/nobile-bebe-vio-una-ragazza-a-pezzi_65918.shtml

    Spero tu capisca che non voglio essere sarcastico, ma solo darti uno spunto

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...