Navicella spaziale partita.


La guida, con gli occhi vispi, ha iniziato a raccontarmi tutto ciò che i miei occhi stavano guardando.
Passaggi di informazioni e riempimento immediato con parole e immagini belle.
A bordo della navicella, trovarsi come se ci si conoscesse da sempre.
Parlarsi con onestà. In modo libero.
Passarsi la vita, rimbalzata come su un tavolo verde di ping pong.

Raccontare la propria città, raccontarla con entusiasmo e conoscerla a fondo.

Entrare e uscire dai siti e continuare a guardare con la meraviglia di un contenitore nuovo e mai riempito prima.

Bersi la vita in un sorso, come fosse acqua fresca dopo dieci chilometri di corsa sotto il sole.

Accompagnate da nuvole al nostro passo e dal vento fresco sui nostri visi mezzi scoperti dalle maschere bianche.

Fare strada insieme. Vicine.
Se vuoi ci posso essere.
Che bella frase, penso.

Ridere, parlare fitto, raccontarsi segreti. Raccontarsi fatti.
Tra qualche caffè, spritz e vino. E un buon pranzo con accompagnatore speciale.

Poi risalgo sulla navicella. Poi  su un’altra ancora.
Poi, salendo verso la mia casa, incontro un tipo sospetto ma che mi sembra di conoscere… e lo vedo arrivare su una navicella, abbandonata.

Ciao. Sei per caso un ultracorpo?
Ne avevo sentito parlare…

50 pensieri su “Ping Pong

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...