Ecco a voi la nuova me.
Ve la presento.

Ho buttato giù completamente per ricostruire.
Ho tolto le macerie. Ho costruito esattamente la stessa casa di prima.
Uguale identica.
Alla fine… mi stavo simpatica.
C’era solo da fare una bella pulizia e, per il resto, la casa era quella. Sì, era lei.
Ho pulito. Ho imbiancato le pareti e le stanze sono ancora più spaziose.
Per il resto…
È rimasta uguale, a prima vista.

Dico A mentre cambio idea e penso B per poi fare C.
Difetto? No. La chiamo fantasia spontanea.

La testa è rimasta sempre un vulcano.

Il cuore è rimasto la sala più grande; la parete a vetrate dà su uno spettacolo che ogni giorno è tanto diverso da essere cosa nuova.

Lo sguardo è rivolto a trecentosessantagradi che nemmeno un compasso può fare lo stesso giro completo e la punta che infilza il foglio scappa sempre un po’ via,  lasciando quel buco slabbrato.

Sono qui. Fragile ma tanto forte come un fuoco che scoppietta nel camino. E le fiamme vogliono uscire. E strabordano. E qualcuno accenna un soffio. Ed io mi faccio sempre più grossa. Anche in un corpo minuto.

Sono qui.

Ho parole care di un amico lontano che alimentano la mia dolcezza.

Ho necessità di esserci, ho necessità di alimentare il fuoco.

Le mani le tendo ancora anche se mi ustiono.
Difetto? No. Io la chiamo voglia di vivere il mio presente prezioso. Voglia di essere accudita e custodita come una figlia preziosa. Eh sì. Figlia di qualcuno e tale da dover essere difesa, rispettata, protetta, amata. E di difendere, rispettare, proteggere, amare . Sì, siamo tutti figli di altre persone. E questo è da tenere bene a mente. Sempre.


Vivere. Sì. Vivere oggi.

Grazie a chi c’è sempre stato. Qui e nella mia casa. A chi mi tiene in cura in quanto figlia di qualcuno.

43 pensieri su “La casa era quella

  1. invidiabili la tua fantasia spontanea che la tua casa, entrambi solari e accoglienti…la stanza del cuore poi è una meraviglia. normale sentirsi a proprio agio…ciao Ale ❤ buone e bellissime cose ti cullino oggi 🙂

    Piace a 1 persona

  2. Una rinfrescata fa sempre bene. Andrebbe fatta una volta l’anno nello stile delle pulizie di primavera. Io lo faccio a febbraio di solito.
    Voglio darti una notizia, non sei solo figlia sai?sei anche madre, di te e del tuo passato, madre del tuo presente, madre di quella parte di te che vuole restare bambina. Non sei soltanto figlia. Un sorriso 🧡

    Piace a 1 persona

      1. No allora mi manca. Sei andata alle terme? Mi ricordo che anni fa ci andò mio figlio consuoi amici perché non trovavano posto a Lucca per Lucca Comics.. ah, ah, era novembre e non c’era nessuno… sono scappati

        Piace a 1 persona

      2. Sopra è una meraviglia… La Montecatini di sotto sembrava Consonno… Una città decaduta e dimenticata… Alberghi chiusi per fallimento uno dietro l’altro e le Terme le ho viste da fuori… Ma davvero sembra una città dimenticata da tutti e ha un fascino pazzesco proprio di città fantasma.

        Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...