Me lo diceva sempre… la cosa peggiore quando torni a casa e non c’è nessuno che ti dice Ehi, ciao come stai?
La casa vuota, il silenzio, il non aver nessuno che, se stai male, è lì a tenerti la mano. O che ti accoglie anche solo brontolando un poco.
Nessuno pronto ad aiutarti e preoccuparsi di te.

Poi certo, la mente e la vita stava a lei riempirle di cose da fare. Qualcosa da pensare che le desse un brivido nuovo.
Riempirsi la vita di impegni e di persone… ma, poi, sempre a casa doveva tornare.
E la casa era vuota. E silenziosa.

Mi sono rimaste impresse le sue parole così vere e crude e dure.

Ci sono frasi che rimangono dentro accompagnate da sensazioni strane che si insinuano in te, umile spettatore involontario.

Quanto è bello avere una famiglia dalla quale tornare.

E c’è chi torna in una scatola vuota e assordante di silenzio.

30 pensieri su “Una famiglia

  1. Mi fai tornare in mente un programma TV, di cui non ricordo più il nome, dove la conduttrice intervista un giovane uomo e gli chiede:
    – Qual è la cosa peggiore quando la sera torni a casa?
    – Aprire la porta e sapere che c’è solo il gatto a salutarmi.
    – E la cosa migliore?
    lui ci pensa un attimo
    – Aprire la porta e sapere che c’è solo il gatto a salutarmi.
    💖

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...