Tutto il giorno la musica va. Questa è la canzone che racchiude tutto. Ci sono anche i ragni e le giostre coi cavalli. E c’è il mare. E sia benvenuta sempre la voglia di vivere.

Il silenzioso argento della luna / che questa notte piano si consuma / io voglio amare di più / e come una sorgente / andare verso il mare / andare fino al mare / nei miei sogni si aprono infinite onde / è con i tuoi sogni che io sono nato / e questa terra ferita che un po’ mi confonde, confonde / Le quaranta carte ed i tarocchi falsi / girano le giostre con i cavali rossi / il cielo, i suoi pianeti e le comete spente / cristalli ed amuleti per tirar la sorte / la luna per i ragni con le gambe corte / sei come la mia terra tu sei la mia barca / tu sei come il mio mare tu sei corda e vela / sei sangue del mio sangue e ancora mi consola / Dietro ogni sguardo c’è una luna e un treno / ed un bambino con l’arcobaleno / che vuole amore di più / e come una sorgente / andava verso il mare / andare fino al mare / E benvenuta sia voglia di vivere / che ci fai piangere, che poi ci fai ridere / e benvenuta sia tra queste pagine / da scrivere, ancora da scrivere / nei miei sogni si aprono infinite onde / è con i tuoi sogni che io sono nato / e questa terra ferita che / un po’ mi confonde, confonde / Le quaranta carte ed i tarocchi falsi / girano le giostre con i cavali rossi / il cielo, i suoi pianeti e le comete spente / cristalli ed amuleti per tirar la sorte / la luna per i ragni con le gambe corte / sei come la mia terra tu sei la mia barca / tu sei come il mio mare tu sei corda e vela / sei sangue del mio sangue e ancora mi consola / Nei miei sogni si aprono infinite onde / e questa terra ferita che / un po’ mi confonde, confonde…

15 pensieri su “Le quaranta carte. C. De André

      1. Si, dev’essere una cosa bellissima.
        Ma non il mare d’estate, quello caldo, affollato, placido ed appicicaticcio.
        No, il mare d’inverno: quello color turchese, grigio e bianco di schiuma. Quello impetuoso, libero, selvaggio, che ti entra dentro con il vento. Il vento che profuma di mondi lontantani, bagnati dallo stesso mare ma profondamente diversi e meravigliosi.
        Grazie per questo ennesimo viaggio, Ale.

        Piace a 1 persona

      2. Grazie a te Daniele. È come Se riuscissi sempre a cogliere e capire.. Grazie davvero. Si… È stato un viaggio pazzesco… E si. Anche il vento. Avevo scordato il vento, quello forte.

        "Mi piace"

      3. Tu sei molto brava a raccontare le tue emozioni, quindi per chi sta da questa parte è molto facile immedesimarsi in quello che provi.
        Scrivendo ti emozioni e quindi generi emozioni.
        Ale, sei molte volte la alla domanda che non è stata ancora fatta…

        "Mi piace"

      4. Sono contenta. Sulla domanda non saprei ma io comunque sai… Sono sempre tanto felice! Solamente due volte ancora ma se posso emozionare qualcuno… Sono felice. Grazie davvero.

        "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...