Correre da una parte all’altra della città senza nemmeno avere il tempo di guardarmi allo specchio e dirmi Ciao Ale!

Essere sempre sulle gambe e correre nonostante quel forte dolore alla gamba che mi fa compagnia da almeno due settimane.

Sto correndo dalla neurologa. Tempi da rispettare. Rispettarli ma aver sempre paura di essere in ritardo per tutto. Andare in banca e accorgermi che non c’è più. Forse sarà il caso inizi ad aprire la posta ogni tanto. Cambiare direzione in continuazione. E continuare a correre.

Oggi, nel forte vortice, ho trovato un ombrello, un guanto, un giornale nuovo, una sciarpa e un ciuccio. Li ho guardati e oltrepassati. Sara si sarebbe fermata col suo carrello e li avrebbe apprezzati.

Sorrido.

30 pensieri su “Il carrello di Sara

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...