Sveglia all’alba per andare al corso di conversazione inglese, come ogni sabato. Mi piace andare a scuola. Mi piace fare corsi, un po’ è come tornare indietro nel tempo. Ritornare ad avere matita e foglio in mano…. scoprire persone mai viste…
La mia insegnante è una ragazza molto bella… sembra una modella e ha un sorriso bellissimo e aperto. Altro che il vecchio stalker…. ne avevo parlato… mi perseguitò per mesi, intimorendomi, e mi costrinse a lasciare il corso. Solo io potevo credere che organizzasse davvero delle colazioni in inglese. Quando quella domenica mi ritrovai al locale, io sola con lui e lui che disse…non è venuto nessuno… e io pure gli avevo creduto e mi dissi…wow posso parlare tantissimo. Poi ho capito le sue vere intenzioni … povera Ape credulona. Mi accade spesso. Credere alle persone che poi si rivelano non così speciali come avessi creduto… mi è capitato proprio ieri sera di rendermi conto di quanto io possa essere idiota, alle volte. Si impara? Ecco, questo è il punto: non imparo mai.

52 pensieri su “Corso di inglese

  1. Arrr, stalker! Per quel che ti può consolare (cioè poco), probabilmente sarei stata così baluba anch’io da crederci. Mi sarebbe andata bene giusto perché avrei subito chiesto ad altri se sarebbero venuti per commentare la cosa, sgamandolo. Ma per caso, proprio.

    A me la cosa che piace di più dei corsi è la sensazione di essere un’adolescente senza impegni né la necessità di mantenermi e far quadrare tutto.
    Però è dal 2016 che non ne faccio: quello di Excel è stato ottimo, ma non avevo intenzione di incastrarmi in un tunnel senza uscita di formazione fatta tanto per fare, e per portare soldi alle cooperative. La noia esistenziale!

    Piace a 1 persona

      1. Non ci metterei la mano sul fuoco, perché l’ho visto 15 o 20 anni fa 😀
        Ma allora m’era piaciuto – l’originale. Poi beh, han prodotto ventimila seguiti, pochi dei quali all’altezza. Freddy ❤
        Molto bello, Nightmare before Christmas. Adoro il primo Burton (il top, per me, è Beetlejuice!).

        Piace a 1 persona

  2. Una durissima esperienza giovanile e una tentata aggressione in pieno giorno da parte di uno squilibrato mi hanno insegnato a non fidarmi di nessuno. Sono diventata esageratamente guardinga e probabilmente quando avrò 103 anni continuerò a difendere la mia virtù

    Piace a 2 people

  3. Credere negli altri significa credere in se stessi. Avere fiducia è una gran dote. La delusione poi nello scoprire che non lo siano non è importante. Le persone sono indispensabili solo quando valgono. È un po’ come scoprire le gemme in minecraft. Dopo tanti mattoni vuoti troverai quello pieno che ti ripagherà:))

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...