Come cambia la vita…
Ho passato anni a non prendere più la metro. Ho buttato via tempo incredibile ad andare da un punto all’altro della città con qualsiasi mezzo di superficie purché non sotterraneo. Un giorno mi sono alzata e son finita in galleria, ad aspettare un convoglio giallo. Ora, appena riconosco il rumore, inizio a correre come una matta per prendere la mia linea di metro. Corro, corro, corro nonostante quello dopo passi a due minuti di distanza dal primo. Oggi sento il rumore, ormai a me familiare, e inizio ad andare sempre più forte…. ancora poco e cadevo giù dalla banchina: era quello dall’altro lato. Eppure non è che sia un mezzo che mi faccia impazzire, ma mi è venuta la foga di prenderlo al volo perché, quando metti dentro il piede prima che chiudano le porte, è una sensazione bellissima, la sensazione di avercela fatta per un pelo. In tutti i sensi. Il mio psicologo coi capelli lunghi e i pantaloni di pelle me lo diceva
..un giorno riuscirai. Dentro di me pensavo che il pazzo fosse lui. Ecco… no, la pazza continuo a rimanere io.

46 pensieri su “La pazza son sempre io

  1. Due anni fa mi è capitato di prendere non la meteopolitana ma il treno un attimo prima che chiudesse la porta e partisse, era a Roma all’aeroporto di Fiumicino per andare alla stazione di Termini (il Leonardo Express). Esperienza che spero di non riprovare mai più 😦

    Piace a 1 persona

  2. Non sei “pazza” e lo sai!!!
    anzi: innanzitutto brava! hai vinto la tua paura, il tuo blocco, e questo ti fa onore.
    Evidentemente quel brivido ti fa sentire “viva”, anche se sicuramente è una sensazione che conosci benissimo, perchè scrivi, comunichi, condividi, e quindi VIVI alla grande!!
    allora dai, stai andando sempre più… forte (è il caso di dirlo!!!)
    un bacio

    Piace a 1 persona

  3. guarda che è un tema delicatissimo. c’è un mondo intorno. la regola che mi sono autoimposto è “non correre mai per prendere un mezzo di trasporto”. così non lo perdo. casomai aspetto quello dopo (sembra cosa da poco, ma a Roma gli autobus sono come l’anno santo, uno ogni 33 anni)

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...