Ricordo lo zio Anteo. La prima volta che lo conobbi, tanto da riconoscerlo, fu ai miei cinque anni. Un uomo elegante con gli occhi blu. Era sempre in giacca e cravatta, anche in casa. Mi accorsi che aveva una mano che mi affascinava moltissimo: aveva le falangi mozzate. ‘Zio Anteo hai una mano bellissima, come si fa ad averla?’. ‘Alessandra , è stato un tedesco’. ‘Wow!’. ‘Mica tanto, un giorno ti racconterò’. Morì l’anno dopo e non mi raccontò nulla. Corsi dalla mia insegnante di chitarra, di Monaco di Baviera, e le chiesi se anche lei mozzasse le dita. ‘Se tu non studi io mozzo tita ‘. Wow, pensai. Un giorno la mia mamma mi portò dal dentista. ‘Sono Inge, vieni Alessandra’. L’infermiera del dentista mi portò sulla sedia. ‘Come mai parli strano? ‘chiesi. ‘Sono tedesca, non parlo strano, parlo con accento’. ‘Anche tu sei una di quelle che mozza le dita dei giovani?’.
La mia mamma mi voleva uccidere e, mentre si sotterreva, Inge mi diede una sberla in testa. ‘Occhio a quello che dici bimba’. Qui son tutti strani, pensai.

Annunci

40 pensieri su “Mozzatori di dita

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...